Pesca & cucina

Pescato e cucinato: A bordo si può

Come sappiamo il mare mette appetito e cosa c’è di meglio se abbiniamo la nostra pescata ad una bella mangiata a bordo il detto pesca & cunina è sicuramente il più appropriato.

In velocità tra un pesce e l’altro oppure seduti tra una sessione di pesca ed un’altra, o meglio ancora al tramonto una cena dopo una lunga giornata di pesca. Tutti momenti in cui anche in barca si può cogliere il momento di mangiare e naturalmente anche bere un buon bicchiere di vino!  Certamente ci vuole la barca giusta, la compagnia giusta e come chef “la partecipazione di tutti se si vuole”. Le ricette sono semplici, ma abbiamo dalla nostra il pesce appena pescato o comunque abbattuto se vogliamo del crudo, e sicuramente qualcosa che sicuramente non manca: l’appetito.

Vediamo quindi come ci si appresta a cucinare qualcosa in barca. Personalmente ho fatto una decisione drastica un paio di anni fa sostituendo i classici fuochi a gas con le piastre ad  induzione, alimentate da un generatore di bordo da 4 Kilowatt. Questa operazione mi ha garantito una maggiore sicurezza a bordo (con il gas si scherza poco) e mi ha aiutato ad accelerare i tempi di cottura e soprattutto di ebollizione dell’acqua per gli immancabili spaghetti.

Purtroppo lo spazio cucina a bordo anche se si parla di una barca medio grande non è molto, ma anche con sole due piastre si riesce ad ottimizzare gli spazi e cucinare con facilità.

Un piccolo forno a microonde mi aiuta in alcune operazioni più semplici come scaldare a parte del latte, acqua o fumetto di pesce per condimenti particolari.

Infine anche per l’arrosto mi sono affidato ad una griglia elettrica, magari da usare in porto quando abbiamo comodamente la possibilità di prendere la corrente a banchina.

Ora non basta certo che vedere cosa fare e come fare e tutto dipende dal tempo che abbiamo a disposizione e dalle prede che dobbiamo “lavorare”.

I sughi  pesca & cucina

Sono sicuramente una base di cui non potremo fare a meno. Infatti la classica spaghettata a bordo non deve mancare. La base per un buon sugo e quindi il pesce è la prima e sicuramente la cosa più semplice da procurarsi. Infatti, dobbiamo partire dal presupposto che qualasisi pesce, e ribasdisco qualsiasi si adatta per preparare il condimento per la nostra spaghettata. Certo, se disponiamo di un bello scorfano o una gallinella il gusto ci guadagnera, ma anche sfilettando il pesce più povero riusciremo a creare un qualcosa di veramente saporito. Personalmente poi preferisco sempre di evitare il pomodoro, se non il ciliegino o pachino ed a volte a seconda delle circostanze una piccola punta di concentrato. Rimane comunque di base il sugo “in bianco” che esalterà al massimo il sapore del pesce.  Non dovrà mai mancare dell’aglio, scalogno, olio di oliva.

 

 

Il pesce alla griglia pesca & cucina

Fare un pesce alla griglia in barca non è facile anche per problemi di spazio. Se si sipone del pesce giusto però una griglia elettrica ci potrà essere di aiuto. Come sappiamo per fare una grigliata la cosa principale è il pesce, sale pepe ed un po’ di rosmarimo poi saranno più che sufficienti.

 

Il bollito pesca & cucina

Sicuramente il pesce bolllito in barca non richiede partiolarità essenziali. Meglio se in una pescera ma anche in una pentola possimao creare un bel bollito, specialmente se ci aoocntentiamo di filetti. Ricordiamoci di bollire i filetti avvolgendoli nella pellicola trasparente creando delle grosse caramellone. In tutti i casi con una pescera potremo preparare un el nasello o un bell’occhione senza grossi problemi. A parte poi potremo preparare anche delle verdure bollite e servire a nostro piacimento.

l'occhione è un pesce molto ricercato in cucina

Pesca & cucina l’occhione bollito con verdure bollite

 

Esche da cucina

Come sappiamo per catturare le nostre prede si usano le esche più varie. E’ anche ormai risaputo che i pesci sono di “palato buono” ed anche io spesso uso esche fresche come gamberi, scampi e cannolicchi. Se è pur vero che se avanzano delle esche simili possiamo congelarle ed utilizzarle per un’altra battuta di pesca, possimao anche pensare di prepararci un be sugo in barca. Via quindi alla fantasia per l’impiego dell esche fresche che ci avanzano.

Il vino

Non dovrà mai mancare a bordo una bottiglia di vino fresco, forse meglio 2. Alle bollicine prefersico sempre un vino fermo, solitamente un vermentino, ma anche altri viigni spesso di adattano bene al pesce.